Pagina 30 di 30 PrimaPrima ... 20282930
Risultati da 291 a 297 di 297

Discussione: Io c'ero!

  1. #291
    Data Registrazione
    Jul 2015
    Località
    Milano provincia
    Messaggi
    3
    My Feedback
    0
    (0% Positive Feedback)

    Predefinito

    25-26 Luglio 2015 Culimolli in action sulle Alpi Piemontesi…….

    Come da incarico ricevuto dal grande Boss Vittorio eccomi qui a raccontare un grande raduno Culimolli style!! Spero di riuscire a rendere l’idea delle emozioni, delle gioie, dello splendido ambiente che ho condiviso con tutti i partecipanti, che hanno reso davvero speciale questo we in Alta val di Susa!!!
    Innanzitutto per me questo sarà un raduno da ricordare perché è il primo raduno off road che faccio condividendo le emozioni con mio figlio Luca e questa cosa mi gasa tantissimo!! Lui aveva partecipato a 2 snow raduni outlanders con la propria auto, ma averlo a bordo e vederlo sorridente e gasato non ha prezzo!! Per cui grazie Culimolli!! Adesso l’unico problema è che sia lui che la sua ragazza Sara ( Mattia è di Cremona!! 3 T ricord?) si sono già prenotati ospiti per il prossimo raduno CM!!!
    Sabato 25
    Allora sabato mattina il ritrovo era sul piazzale dell’hotel Cima del Bosco a Sauze di Cesana per le 9,30 e quasi tutti erano puntuali!! Da buon milanese imbruttito o bauscia come dice l’amico Vittorio ore 9,10 taaacc arrivato a destinazione e il primo che incontro è proprio Lui in Principe!! Lo vedo un po’ dolorante e con la faccia sbattuta! Dopo il suo reso conto della notte passata sul water in compagnia di Dolores de Panza e Miguel porta la carta……. la corte dei Culimolli lo nomina Principe “Cagotto”!! e così tra una chiacchiera e l’altra, un saluto, un abbraccio arrivano tutti i partecipanti del primo giorno:
    Vittorio e Wilma su Mazda cx5 , Mattia e Ilaria su Discovery 2, Pino ed Eliana su Toyota PM10, Ignazio Discovery 1, Fabrizio su Suzuki gran Vitara, Maurizio su Nissan navarra alias grande puffo, Sirio copilota di Gianluca su Nissan Patrol e la mia famiglia! Mio cognato San Massimiliano (santo perché sopporta mia sorella), mia nipote Eleonora, mia sorella Roberta su IX 35; mio figlio Luca e la sua ragazza Sara con il sottoscritto sul mitico outlander!!!
    Pronti?? Via si parte! Iniziamo l’ascesa verso Colle Bercia, dopo qualche chilometro di off road mia sorella e mia nipote pensano bene di scendere dalla macchina perché l’IX35 di san Massy67 arranca un po’ sulla prima rampa impegnativa visto che non ha ridotte e monta pneumatici stradali…… in piena crisi di panico vogliono tornare in hotel! Poi Ignazio si offre volontario per scarrozzarle a bordo del suo Disco1 e così l’ix35 alleggerita riparte alla grande!!! Piano piano tutti facciamo il rampone….a dimenticavo che il Principe è rimasto in hotel e ha scaricato Wilma Fabrizio!! Dunque si sale in quota passando dalle cave di marmo verde dove abbiamo pranzato con la tipica “cofanata” su grande tavolo di marmo verde da mt 3,60x1,10x1,00 del peso stimato dal geologo di 10 tonnellate!! Come sempre ci siamo superati! Le polpettine della nonna di Maurizio hanno fatto furore!!! Poi c’era salame di Felino, tomini di Asti, focaccia Ligure, insalata di riso di Milano e Brescia ( due culture culinarie a confronto!) , formaggi tipici piemontesi, birra S Michele comperata in loco, vino, acqua, caffè ammazza caffè e i BRIGIDINI col vin santo!!! La morte loro!!! Insomma ci siamo strafogati!! Poi con calma partenza per il lago Nero con sosta per fotografie, qualcuno ha tentato la pennichella e Sirio e Gianluca hanno testato le sospensioni di Patrollo su un mucchio di ghiaia…… risaliti a bordo si riparte e arriviamo in cima a Colle Bercia mt 2293!! Anche qui foto di rito e panorama da paura!!! Iniziamo la discesa e dopo poche centinaia di metri i ridottati iniziano i giochi sulla variantina dedicata a Zioponch! Dove il G è praticamente esploso! Almeno questo mi hanno raccontato i presenti….. Gianluca ha fatto provare il suo Patrollo a Sirio, a Massy67 e a me e quando sono sceso galleggiavo sui sassi sognando di comperarmi una vera macchina da fuori strada……. Per il momento resta un sogno! Ma mai paura prima o poi i sogni diventano realtà!!! Ignazio e Mattia hanno scarrozzato mia sorella e mia nipote tanto che mia sorella non voleva più scendere dal disco2 di Mattia!!! Insomma tra un giro e l’altro, una risata, una battuta e l’altra si è fatta l’ora di tornare in hotel……. Alle 18,30 tutti in camera pronti per la doccia e i più stanchi vedi Mattia si son fatti anche il pisolino!!! Ore 20,00 si va a cena a Sestriere per il giro pizza!! Prima di entrare nel ristorante foto di rito con vari tentativi e alla fine ci siamo riusciti!! Foto fatta! Si entra e in tavola c’era già l’antipasto a base di grana, bologna,e salame piccante!! E poi via di giro pizza go go!! Tutto innaffiato da buona birra, coca cola e acqua a volontà!! Dolce e caffè il tutto per la modica cifra di 20 euri!!!! Finita la cena saluti e baci fuori sul parcheggio dove dal baule di Ignazio sono apparsi dei magnifici e buonissimi torcetti torinesi!!! Wow veramente ottimi!! Peccato che se li è riportati a casa!!! Saluti e tutti in hotel!! Mentre il buon Ignazio è tornato a casa……
    Domenica 26
    Dopo una abbondante colazione e avere saldato l’hotel ci siamo ritrovati sul piazzale alle 9,30 e dopo quattro chiacchiere e due balle siamo partiti per Salice D’Ulzio dove avevamo appuntamento con Sandro Tocco, la sua famiglia e la sua Tata Safari! In pratica lui ha preso il posto di Ignazio. Ore 10,20 si parte tutti incolonnati raggiungiamo Bardonecchia con Patrollo che apre la fila e Simone che la chiude!! Ah dimenticavo, Simone è la “ guida indigena” che ci ha scortato nel giro della domenica ….. con il suo Hilux chiudeva la fila e respirava il fumo di Pino PM10!!! Dopo avere attraversato Bardonecchia è iniziata la salita in asfalto fino a raggiungere un piazzale parcheggio dove ci siamo allineati mettendo un fuoristrada e un suv in modo da garantire ai non ridottati un po’ di sicurezza….. A questo punto Sirio, da buon rognerista ha voluto aprire il cofano del Patrollo di Gianluca perché secondo lui non rendeva il giusto……cercava una cosa e sorpresa ha trovato un manicotto del radiatore (appena cambiato) tagliato!! Così in 5 minuti sono usciti tutti i meccanici che soggiornano all’interno di un fuoristradista!!! Sirio, Mattia e Fabrizio si sono subito sdraiati sotto il Patrollo a smontare il manicotto, con il supporto tecnico di Simone che passava i ferri…. Pino cercava il manicotto nei suoi vari pezzi!! Dai bauli sono usciti tubi, filo di ferro, fascette, viti, nastro americano….. svitol, olio …. Di tutto di più!! Capito come riparare il tutto bisognava recuperare il liquido del radiatore e così abbiamo usato un sacco nero dell’immondizia!!!! In pratica il liquido è stato tutto recuperato, manicotto smontato, tagliato a misura il nuovo fornito da Pino, inserito sul radiatore l’hanno fissato per bene e……Va beh mi son dimenticato di dire che nel frattempo Gianluca smadonnava e tirava giù tutti i santi del paradiso perché il radiatore era appena stato sistemato e il tubo/manicotto montato storto e così la cinghia lo grattava ad ogni scossa o accelerazione con il risultato del taglio!!! Dimenticavo anche di dire che ( scusate ma ho 54 anni e la sclerosi galoppa) nel frattempo le signore prendevano il sole, facevano salotto e il Principe fotografava e apriva bottiglie di bianco e tutti quelli che non lavoravano mangiavano!!! Va beh ritorniamo a riempire il radiatore!! Riempito, controllato, lavato le mani, asciugate con la carta da culo si parte!!!!! Iniziano i ramponi!!! E che pendenze!!! In pratica siamo passati a fianco dei piloni della seggiovia con pendenze elevate che per i suv erano davvero impegnative! In ogni caso 2 dei 3 suv sono saliti bene….. in pratica Vittorio con la sua Mazda è andato bene, mio cognato Massy dopo aver scaricato moglie e figlia a Mattia se le cavata alla grande, l’unico pirla che ha fatto cazzate sono stato io!!! Mi sono dimenticato di bloccare in “lock” il differenziale centrale e salendo in 4wd auto ho scaldato il sistema di gestione delle frizioni che è andato in protezione e mi ha lascito fermo a poche centinaia di metri dalla vetta!!! Così Gianluca e Simone sono tornati a prendermi con l’Hilux! Fabrizio e Pino mi hanno aiutato a fissare lo strop, Sirio continuava a filmare, mio figlio a fare foto, Sara era un po’ preoccupata anche se faceva finta di essere serena….Mattia ti ricordi chi è Sara vero? La ragazza di Cremona che però è passata da Piacenza.. .. insomma la storia delle 3 T!! Cavolo mi divago sempre…. Torniamo alla stroppata!! Agganciato il tutto il mio out girava solo in 2wd e l’Hilux slittava sulla ghiaia perché troppo leggero dietro!! Però il tempo che sono stato fermo, i pochi metri fatti al traino hanno permesso al sistema di raffreddarsi e l’elettronica ha dato il consenso a girare in 4 wd lock!! LOCK!! Va beh a questo punto mi hanno sganciato dal pick up, ho messo lo strop legato e infilato nella portiera e via sono partito di gran carriera e alleggerito di figlio e sua fidanzata Sara ( Mattia sempre lei…..3 T) …..sono riuscito a risalire un pezzo! Piccola sosta per raffreddare e via per l’ultimo strappo in piedi!! Azz!! Che salita!! Via sono pronto parto… Tutti in piedi sul divano! giù gas a martello! Staccatona di frizione!! Le ruote artigliano i sassi!! E uno finisce sulla gamba di Gianluca…sorry!! Via via si va si va! Arrivo fino a pochi metri dalla vetta…. No no cazzo!!! Si blocca ancora tutta l’elettronica!!! Si inseriscono le 2wd e l’out si impianta!!!! Questa volta arriva l’amico Mattia con il suo discovery2 che mi aggancia inserisce la prima, l’outlander parte a 2 wd poi ha uno scatto di orgoglio e si sente umiliato, rinasce e taacc il 4wd lock riprende a funzionare così dopo i primi 7/8 metri tirato di vero peso riesco a raggiungere il pianoro…… mi sganciano e tutti facciamo l’ultimo pezzo e arriviamo in cima!! A 2805 mt!!! La stroppata più alta di tutti i CM l’ho avuta io!!! Wow!! Che spettacolo magnifico!!! Tutti iniziamo a scattare foto al panorama, ci si guarda intorno e ci si gode uno spettacolo magnifico!!! Che dire se non grazie a Gianluca, Fabrizio e Simone che si sono sacrificati a fare la ricognizione!! ( sai che sacrificio a vedere certi posti!!) Va beh torniamo a noi….tutti in macchina per iniziare a scendere, raggiungere il forte dove dovevamo pranzare alle 13,30 circa e alle 16 siamo tutti pronti con forchette e cucchiai in mano per iniziare la cofanata pranzo/merenda culimolli style!!!! Compaiono magicamente ancora polpette della nonna di Maurizio, ah dimenticavo che il Mauri ha lasciato grande puffo alla partenza perché aveva un problema alla trasmissione anteriore! Per cui i Rogner battono Nissan!!! Poi si prosegue con l’insalita di riso e il cous cous, formaggi, bologna e si arriva ai dolci!! I brigini! Tutti vogliono i brigidini… ma sono finiti e allora io tiro fuori la specialità del Milanese imbruttito: la crostata dell’esselunga!!! Anzi la crostata che la mi zia prepara artigianalmente per esselunga che poi commercializza!!! Umhh che buona!! Purtroppo iniziano ad arrivare le nuvole, si sbaracca velocemente, qualche goccia cade, tutti in macchina…c’è solo il tempo per fare qualche giochino nella palestrina, ma poca roba, piove!! Allora si parte e si scende verso Bardonecchia! Ultime due soste per vedere la Galleria dei Saraceni chiusa per frane e la foto di chiusura giro vicino ad un fortino……. E così piano piano raggiungiamo il parcheggio di partenza. Saluti e abbracci, tutti felici e contenti, giornata favolosa! Ho rischiato la frizione, mi hanno stroppato ma tutto questo non ha prezzo per il resto c’è mastercad!!! Che altro dire GRAZIE GRAZIE!! Sono stato troppo prolisso?? E chissenefrega!! Se volete lo leggete altrimenti chi c’era sa cosa abbiamo vissuto!! Per gli altri mi spiace ma così siete stimolati a partecipare al prossimo raduno!! Un abbraccio a tutti gli ometti e un bacio alle signore!!!
    Con affetto
    Angelo alias Orsooutmtb

    Ps vi salutano anche Luca e Sara che si sono già ri riprenotati per il prossimo giro!!!

    Ps del Ps per chi non lo sa Cremona è la città delle 3 T Turun, torass e tetass traduzione: torrone, torrazzo che è la torre campanaria del duomo, costruita in muratura ed è la più alta d’Italia costruita cosi e l’ultima T sono le tette delle donne che sono quasi tutte molto prosperose!!!!

  2. #292
    Data Registrazione
    Feb 2001
    Località
    Genova - ITALY
    Messaggi
    644
    My Feedback
    0
    (0% Positive Feedback)

    Wink 25/11/2016 - Natale CM - ANCONA

    Io ci provo….. troppo tempo è passato dall’ultima volta….. in tutti i sensi!!!!

    Allora…..

    CENA DI NATALE CM 2016 - ANCONA

    Venerdì 25, primo pomeriggio… Tutti contenti all’idea di rivedere tutti (o quasi) gli Amici Culimolli4x4, il morale è alto, il pieno è fatto, le valige e (poche) vettovaglie caricate… Ore 15:00, si parte!

    Siamo in tempi di alluvioni in tutto il Nord-Ovest, decido che il percorso più ‘sicuro’ per arrivare ad Ancona sia fare la Genova-Piacenza-Bologna-Ancona….
    Partiamo io e Vilma belli contenti, ma arrivati all’altezza della bretella verso la A26 (che non ci interessa) troviamo un blocco dell’autostrada che continuerebbe verso Milano-Piacenza.
    Evidentemente in zona o c’è un incidentone o (più probabile) rischio allagamento carreggiata.
    Morale della favola, ci tocca la bretella di Novi Ligure e poi da Alessandria raggiungere la Torino-Milano e poi di nuovo verso Piacenza-Bologna…. Uno scherzo di quasi 100Km in più….. (già che la strada per arrivare da Miki è poca….)
    Avessi dato ascolto al mio fido Ufficiale alle Comunicazioni (Alce), che mi suggeriva di passare per la Cisa….. Avrei risparmiato un’oretta buona.

    Arrivati quasi a Bologna (17:30/17:45) incrociamo il Cavaliere ed Alce che procedevano a velocità warp (110Km/h)…..
    Un cenno, ,una rapida telefonata e si decide di raggrupparci al primo autorgrill dopo lo svincolo verso Ancona.
    Procedo alla mia velocità di crociera, arrivo al grill e aspetto paziente…
    Dopo un po’ (una ventina di minuti), arrivano….
    Fabry con Ronzinante bello come sempre, Alce con Patrollo Trampolato (un nuovo assetto davvero scenico).
    Siga, piscin, caffè, due chiacchere rabbocchino di gasolio e si riparte (e ci siamo fumati un’altra mezz’oretta).
    Monto il CB, tanto andando piano l’antenna magnetica regge…., tutto bello contento del mio microfono nuovo della Lafayette che dovrebbe risolvere l’annoso problema che ho con il CB che mi aveva venduto (nuovo) il buon Massimo.
    Provo a parlare, niente. Tocchigno un po’ e riprovo, niente di nuovo, anzi quando gli altri parlano li sento attraverso il microfono (solo se schiaccio il pomello) altrimenti tutto muto.
    Evidentemente o il mio CB ha una pinout diversa (ma mi pare strano) o la BuonAnima me l’ha modificato prima di vendermelo….
    Il bello è che con un microfono di recupero (di Amedeo) provato all’ultima Via Del Sale, tutto funzionava alla meraviglia….. MAH!!!!
    Comunque Alce mi fornisce la sua stecca di riserva (almeno posso chiacchierare coi miei compagni di viaggio) ed il problema è risolto.

    Nota:
    Ho lasciato il CB ad Alce, IGGY-PAPP appena lo becchi riesci a darmici un’occhiata ??? (Semmu zeneisi e prima di buttar via altre palanche per un CB nuovo, ci proviamo)

    Ore 18:30 abbondanti si mette la prua verso Ancona….
    Procediamo alla massima velocità consentita dal traffico e finalmente arriviamo ad Ancona, tra i vari itinerari forniti dai vari navigatori, arriviamo al casello di Osimo alle 20:30.
    Data l’ora e sentito Miki (preoccupato) decidiamo di andare direttamente in pizzeria/PistaKart.

    Arriviamo colà assieme (o quasi) a MastroGeo & Ghiga.

    Saliamo in pizzeria, vuota!! Non c’è nessuno dei nostri…….
    Sono quasi tutti in balconata a guardare gli altri a girare in pista.
    Miki ci accoglie a braccia aperte, sono gia arrivati Mino&Irene, Sirio&Co, FraGnam, Amendeo&Ale, Orso.
    Alcuni di noi decidono di scendere subito in pista (Sirio, SirioJr1_Logic, SirioJr2_Pippi, Orso, Alce, Fabry)
    Dopo un primo momento dove la conigliaggine prende il sopravvento la voglia di provare coinvolge anche il sottoscritto, Mino e Amedeo
    Insomma a guardare in balconata restano solo le Signore CM e FraGnam (che rifugge tutte le fatiche del creato)

    Eccoci in pista….
    UNO SPETTACOLO!!! Kart a motore da 270cc, rettilinei, tornanti, curve paraboliche, pezzi all’esterno, pezzi sopraelevati….
    Kart, dove incredibilmente riesco (quasi comodamente) ad entrare, e si parte…
    Si nota immediatamente dove la mancanza di equilibratura della zavorra faccia la differenza… Non ho chances…. Nelle salite il mio kart sarebbe meglio scendessi a spingerlo…..
    Comunque sia un divertimento UNICO! Paragonabile solo alla fatica della guida….. Mammamiasantissima…….
    Dopo una decina di minuti di girelli per la pista finisce questa sessione di prove libere e qualcuno pensa di farne un’altra.
    Io mi ritiro mestamente dichiarando che il giorno dopo sarò sicuramente il primo del lenti, insomma il migliore partendo dal fondo……
    Però c’è chi ha fatto (molto) peggio del sottoscritto….. in ordine, SirioJr2_Pippi e Amedeo (che ha dato sfoggio della sua tipica flemma britannica ed è andato a livello di lumassa con l’artrite….)
    Sirio, SirioJr1_Logic e mastrGeo sono effettivamente una spanna sopra a tutti, gli altri si sono difesi, ma non ci sarà storia alla gara di domani.
    Unica soddisfazione aver potuto provare pista e mezzi prima della gara, Cameo, Ciro, Dixi e Anna (unica Signora CM partecipante) avranno di certo un handicap in più!!!!

    Finalmente arriva l’ora della pappa, pizza al Kart…. Ottimo giropizza di mille tipi con caraffone di birra a gogò…… il tutto per 14€!!!! Bello bello!
    Si chiacchiera, si discute (anche di politica), si scherza, si ride e arriva la mezzanotte in un lampo.
    Pioviggina e quindi la mia proposta di festeggiare la serata con pandolce genovese e prosecco cade nel dimenticatoio e ci dirigiamo verso l’hotel

    Noi del venerdì siamo tutti al Hotel Villa Gens Camuria, molto bello, camere grandi, personale affabile, ma è sera tardi e la voglia di guardarsi in giro non è proprio tanta.
    Salutiamo Miki (già scoppiato come la Germania del 46) che ci dà la punta per il giorno successo alla pista autoctona di Legalasino ‘non prima delle 09:30’….. Preoccuparsi in merito non è di nostra competenza.
    Finalmente si va in camera, non prima di aver preso visione della camera matrimoniale dei piccioncini (Alce & Fabry)…. Tenerissimi!!!!!

    Notte notte a tutti!!!

    Sabato 26, ore 09:00, colazione. Incredibile, sono tutti già a mangiare… Non ci sono più i CM di una volta, solo il Frate non si fa vedere……
    Alle 09:30 spunta il tapino e mentre lui soddisfa le sue voglie mattutine, colgo l’occasione per guardarmi in giro.
    Villa Gens Camuria è proprio un gran bel posto, parco, piscina, sala da ballo, patii un po’ ovunque.
    Insomma Miki s’è dato proprio un gran da fare e non ha deluso le aspettative!!!!!

    Alle 10:00 si parte per la pista, dopo un primo momento di smarrimento Alcesco che si propone come guida, arriviamo in 20 minuti alla pista….. o meglio arriviamo alla saga del cibo e del vino.
    La giornata è fortunatamente splendida e gli amici di Miki hanno apparecchiato all’esterno, sole, caldo, quello che ci vuole per togliersi l’umido e la pioggia degli ultimi giorni.

    Il sito è composto da una costruzione (per niente abusiva) di circa 80/100 mq con tanto di salone al coperto, che domina la vallata e dalla quale si raggiunge la pista appositamente costruita per NOI!!!
    Forno a legna carrellato, megapiastra d’acciaio per le grigliate, bruciatori da capo degli della migliore Protezione Civile……

    Ad accoglierci, oltre a Miki&Angelica (già lì da almeno un’oretta) e tutti i loro amici indigeni (non ricordo i nomi di tutti, quindi ometto per evitare di escludere qualcuno), troviamo una faccia conosciuta.
    All’ultimo momento sono arrivati anche Wally e la Lella con la loro Golf fiammante!!!! SORPRESONA! Non sarebbero mancati per niente al mondo!!!!! GRAZIE!!!!
    Contemporaneamente arrivano anche Anna&Ciro con Dixi al seguito tutti amorevolmente stipati in Moschino.

    Prima di mangiare bisogna buttarsi in pista…..

    C’è tanto di gran pavese che indica l’ingresso pista, una ripida discesona di un centinaio di metri per arrivare su di un pianone dove un abile ruspista ha creato dossi, fosse, twists, laterali…
    Insomma c’è di tutto, per tutti i gusti e per tutti i mezzi (o quasi, io decido che la Capretta2 se ne starà comodamente parcheggiata fuori dal casino).
    Alce&Patrollo, Sirio&Lavatrice, Cavaliere&Ronzinante, Mino&MinoToy, Orso&GrandePuffo, Anna&Ciro&Moschino, MastroGeo&Gaia si buttano…..
    Danno oggettivamente spettacolo, insomma ce la si cava egregiamente….. qualche piccolo danno (uno triplo per la verità) solo al Patrollo che ha da ridire con un bucone un po’ ostico.
    Ci si diverte come bimbi, anche solo a guardare e commentare…… ma l’ora si fa tarda….. e la fame incombe…….

    Si risale alla zona libagioni e troviamo ad accoglierci il Frate, che manco è sceso a guardare, mentre cerca di spiegare al pizzaiolo l’arte della vera farinata alla genovese….. e questo lo guarda smarrito e disinteressato….
    Ma finalmente si mangia, aperitivo a base di pizze e focacce fatte al momento, tutto bagnato da ottimo prosecco di valdobbiadene.
    Ci accomodiamo ai tavoli dopo aver effettuato le foto di gruppo di rito, Miki tira fuori un piccolo panino di circa un metro e mezzo del peso di qualche chilotto e arriva il piatto forte….

    Pasta all’amatriciana DOCG e con abbraccio accademico, Amedeo dopo il primo assaggio si fa scappare ‘ecco la testimonianza che Dio c’è’…. E come non dargli ragione!!!!
    Dopo il bis, il tris, e la scarpettona comune nei tegami della pasta, si passa ai secondi
    Costine, salamelle e rosticini alla griglia, altro spettacolo!!!!!
    Il vino locale di accompagnamento è già degno di nota, quando Sirio estrae il Jolly, una bottiglia di vino ‘Del Fin Del Mundo’ una prelibatezza patagonica che con la carne ci stà come ……. Come ……. Come quello che volete, fate voi… una libidine!!!!
    Il dopo-carne, non me lo ricordo perfettamente…. Saranno i fumassi del vino….. mi ricordo solo una spettacolare torta e il pandolce genovese… ma potrei sbagliarmi…

    Sbollentiamo i fumassi del pranzo prima di scendere nuovamente in pista, intanto arrivano come dei lampi annunciati dai tuoni della marmitta, Cameo & Giorgia sul BatRav.

    Si ridiscende in pista ed il nuovo arrivato da spettacolo, Grande BatRav sempre degno di nota…. Intanto anche gli amici indigeni si danno alle difficoltà della pista.
    Quattro Defender, variamente preparati fanno vedere le alte capacità autoctone, ma devo dire sinceramente che Patrollo se l’è cavata egregiamente al confronto diretto.

    Sono quasi le 17:00, ed alle 18:00 dovremmo essere alla pista per la Gara-CM sui Kart.

    Ci precipitiamo al recupero macchine e ci fiondiamo in albergo per una micro-doccia e riposino prima della gara……

    Finalmente al Kartodromo, tutti carichi come molle……. Siamo in 12 CM-concorrenti + un amico di Miki. Come pensabile SirioJr2_Pippi, FraGnam e Amedeo danno forfait!!
    Dalle profonde valli del marchigiano ci raggiunge anche MichMusic e famiglia (con tanto di pargoli scatenati al seguito)

    Il programma prevede, 2 sessioni prove libere di qualifica e finale A (quelli veloci) e finale B (quelli lenti).
    Si comincia…. Uno sballo andate a vedervi i video quando saranno disponibili…..
    Devo onestamente dire che anche chi il giorno prima non aveva avuto modo di provare si è difeso egregiamente, Cameo in primis che si qualifica per la Finale A, ma anche Anna, Ciro e Dixi si son difesi…
    Dopo le due sessioni di prova, come previsto i migliori sono Sirio, SirioJr1_Logic, MastroGeo, Cameo, Orso e Cavaliere. Saranno loro a disputarsi il Trofeo-CM….
    Nella Finale B i ‘resti’…… Alce, Dixi, Mino, Anna, Ciro, Prinicipe e AmicoMiki.

    Subito il turno della Finale B, con le qualifiche mi piazzo in sesta piazza, Ciro è dietro di me….. Anna e Dixi hanno fatto meglio, Alce, Mino e AmicoMiki, sono obbiettivamente irraggiungibili.
    Partenza, con scatto felino brucio la Salardi Family e mi piazzo al quarto posto…… provvisorio (molto provvisorio)…..
    Ciro solleticato dalla mia partenza riesce a sorpassare moglie e cognato e si mette alle mie calcagna.
    Ad un certo punto SBAM! Ciro mi sorpassa con mossa fedifraga e mi ritrovo quinto……. Vabbè non va così male, ne ho altri 2 dietro che non possono raggiungermi…..
    Quasi…… nel tornante in discesa prima del traguardo decido di rigirarmi come una trottola e perdo tutte le posizioni.
    Mi ritrovo ultimo e distaccato, ma voglio continuare a provarci….
    Stò per raggiungere il sesto, non so se è Anna e Ciro, ma quando stò per prenderlo ri-SBAM!!!!! Il buon Alce nel tentativo di sorpassarmi mi accompagna ‘gentilmente’ a lato della pista, d’altronde dovevo farlo passare, mi stava doppiando!!!
    Insomma dopo 12 giri (infiniti) finisce la Finale B.
    Primo AmicoMiki
    Secondo Alce
    Terzo Dixi
    Gli altri a seguire….. io Primo dei Lenti come da me pronosticato!!!!

    E’ il turno della Finale A. Partenza, subito scattano in testa i Sirio’s e si daranno battaglia fino alla fine.
    Cameo è terzo, ma MastrGeo pensa bene di ‘soffiargli’ il posto con una manovra alla Verstappen dandogli una sonora botta nel budello delle curve…….
    La gara continua, SirioSr è imprendibile, SirioJr1_Logic si difende bene anche dagli assalti finali di MastroGeo e la gara finisce.
    Primo e Vincitore dell’ambito Trofeo-CM: SIRIO
    Secondo, ma vincitore morale: SIRIOJR1_LOGIC
    Terzo, ma detentore del miglio giro in gara: MASTROGEO
    Gli altri al seguito, con Cameo dolorante e boffonchiante per la sua indebita (a parer suo) estromissione dal podio.

    Gara finita, dai che si va a Cena!!!!

    Si mangia alla Villa Gens Camuria, dove ci raggiunge anche Cinzia che ha sopportato il buon Miki in tutte le fasi della preparazione dell’evento.

    Ormai è abitudine cenare e dormire nello stesso posto, in modo da dal libero sfogo alle libagioni.
    Sala riservata ( o quasi, c’è solo una coppia di estranei insieme a noi che mangeranno in un lampo per darsi alla fuga), mise en place notevole, carta dei vini eccellente.

    Si comincia…..
    Antipasti vari locali, tra cui degli di nota i salumi e le verdure.
    Doppio primo, Lasagne vegetariane e (non me lo ricordo più)
    Secondo, Arista di vitello

    Arriva il dolce a sorpresa, Miki ha fatto preparare una meravigliosa torta Logata-CM che si rivelerà sopraffina!
    Come se non bastasse è stato preparato anche un mega-croccantino anch’esso Logato-CM che è stato paradisiaco.

    Caffè, ammazza-caffè vari, tra cui una bottiglia di Uzo original-Greece rubato dal proprietario del locale dalla festa ellenica che intanto si sta svolgendo nel locale da ballo sottostante.
    Orso ci elargisce un Rom Cubano meraviglioso con tavolette di cioccolato fondente varie a finire la cena.

    Siamo stravolti, è tardi e tutti non vedono l’ora di poggiare la basetta su cuscino.
    Salutiamo con tutto il calore che merita il GRANDE MIKI, domani sarà esentato dal presidiare gli astanti.

    Ci si rivede domattina per i rientri.

    Domenica 26, ad ora consona ci si ritrova per la colazione.
    Si inizia la straziante fase dei saluti, alcuni restano (Dixi, Anna, Ciro, Amedeo, Alessandra, MastroGeo e Ghiga), ma gli altri decidono per il rientro a casina bella.
    Prima di metterci in marcia diamo sostegno morale al caro Alce che effettua le riparazioni di emergenza a Patrollo, in modo da poter viaggiare tranquillo.

    Si parte, altri 520 Km mi aspettano, ma sono felice come un bambino, tanto che nemmeno mi pesa il fatto di assecondare la mia Signora che nel viaggio di riotrno vuole andare a trovare la nostra figliola in terra meneghina (altr 129Km in più…. Per un totale di oltre 1220Km in 2 giorni)

    La Cena di Natale CM è davvero finita.

    Passiamo ai ringraziamenti……

    GRAZIE a tutti i CM presenti, SIAMO SEMPRE BELLISSIMI
    GRAZIE a tutti gli Amici Autoctoni che abbiamo conosciuto, che si sono sbattuti non poco per la riuscita dell’evento.
    GRAZIE soprattutto a MICHELE, sei IMBATTIBILE!!!! TI VOGLIO BENE!
    GRAZIE anche a tutti i CM che non sono potuti essere presenti fisicamente, ma lo sono stati certamente di spirito, sentivamo i vostri ‘rosichi’ fin da laggiù!!!!

    Ciao CM!
    Vittorio

    Nota:
    Resoconto fatto tutto di un fiato, senza stop, prima di andare a raccattare la figlia alla stazione, quindi senza rilettura e correzioni.
    Prendetelo com’è e abbiate (molta) pazienza per vedere le foto ed i video sul sito. Anzi chi non ha ancora provveduto all’inoltro delle sue produzioni lo faccia al più presto!!!!

  3. #293
    Data Registrazione
    Feb 2001
    Località
    Genova - ITALY
    Messaggi
    644
    My Feedback
    0
    (0% Positive Feedback)

    Wink 25 Aprile - Girello CM - Lago Verde e Dintorni !!!

    Innanzitutto i ringraziamenti alla guida indigena che ha rinunciato alla sua DDL (Doccetta Della Liberazione) per portarci in giro per le note alture del Brugnatese….

    Punta alle 10:00 al casello di Brugnato:
    Puntuali: Io&Vilma e Amedeo&Ale…. Poi arriva Alce…. Gli altri si son fermati a Sestri Levante per un caffè (seeeee ci vorrà almeno mezz’ora….)
    Si decide di andare a far colazione, tutti al Forno di Germano, caffè, cappucci e dolci da 10+, focaccia 7 (in fondo siamo in zona foresta….)

    Alle 10:30 passate arrivano gli altri, Cavaliere, Nosfurbutu&Ti, Wally&Lella……
    Passiamo altra mezz’oretta a rimirare Toylette, che bel mezzo, davvero a posto e già pieno di gadgets (ma di sicuro Wally non si fermerà lì…..)

    Alle 11:00 di parte, direzione ‘bricchi’……non mi ricorderò MAI i nomi di quei monti, passi, valli………
    Il meteo è una merda, ma come disse Igor ‘potrebbe esser peggio, potrebbe piovere’…. Grazie a ‘qualcuno’ invece non lo fa….

    Il percorso non è proprio semplice semplice, ma d’altronde prima o poi dovrò testare nuovamente le capacità della Capretta2 (ValSusa e ViaDelSale non sono prove esaustive).
    Il primo pezzo sull’altavia, Via Casoni di Bolano (questo me lo ricordo) solo che il nebiun (anzi il maccaiun) tappa visuale, sembra di essere a Milano quando fa bel tempo…. 10mt di visibilità…..

    Poi si entra nei boschi, siamo scesi di quota e la visibilità migliora….
    Ci sono parti semplici, in boschi verdi come l’Irlanda, sterratoni semplici e divertenti
    Ci sono parti impegnative, salitone fangose e sguscianti come un’anguilla, che poi date le note capacità di orientamento dell’indigeno siamo costretti a rifare in discesa.
    Ci sono parti piccanti davvero, fortunatamente (per me) solo in discesa, sassoni (non tedeschi) e saltoni degni del miglior periodo d’oro dei nostri primi anni 2000
    Ci sono variantine, che poi sono le discese rifatte in salita, per chi ha i mezzi opportuni… ma qualcuno ci lascia una freccia….

    Il tempo passa, la fame sale, la strada per arrivare alla meta finale è troppo lunga…..
    Alle 13:00 circa troviamo un pratone pieno di twistini divertenti dove qualcun altro ci lascia il solito paraspruzzi.
    Dopo aver giochicchiato un po’ si accostano i 2 mezzi alti (Bis e Toylette) e si tira un tendone da zingari per ripararci dall’umidità.
    Compaiono in ordine sparso: 2 tavoli, 10 bottiglie di vino, almeno 20 tipi di formaggi, 3o4 salami vari, lardi casalinghi, basane spezzine, una torta pasqualina, focaccia secca, morbida e speziata, pane di montagna 2 colombe e il caffè della Lella.
    Nessuno ha pensato all’ammazza-caffè…. Ma non ne abbiamo sentito troppo la mancanza….
    L’unica Grappa presente è la cagnolina della Ti&Fulvio, uno spasso…. Onnivora e con il dono dell’ubiquità….. raspava da tutti contemporaneamente!!!!

    Sono le 15:30, si riparte, direzione Lago Verde, la strada è lunga, Gianluca trova un tratto nuovo (anche per lui) che ci risparmia un bel pezzo d’asfalto, e verso le 16:00 arriviamo al lago.
    Un terzo tapino si accorge che uno dei vari spoiler devia-flussi frontali ha avuto un leggero collasso…… ma nessuno documenta l’evento quindi …. farò le foto postume per mantenere la vetta della classifica.
    Un ringraziamento al Cavaliere che (come al solito) si prona di fronte al Principesco Destriero per risolvere il danno temporaneo.
    Spuntino con colomba al cioccolato, girello pedestre per il lago, bagno di rito di Grappa, foto di gruppo…
    Sono le 18:30 e ci scappa l’ora del ritorno……

    Non prima di aver ‘aiutato’ una coppia di extra-com con figlia al seguito che volevano andare a vedere le ‘mitiche’ cascate del Lago Verde….
    ‘Sono 2km più in su, c’è un salitone…. Poi la strada si fa brutta’… dice loro la nostra guida.
    ‘Prendiamo la macchina ed allora andiamo’ fanno loro, e vanno….
    Li vediamo passare con una Ford Focus…. Belli allegri……
    Noi Portiamo via le balle prima che si debba soccorrerli…..

    Si rientra verso valle, al CB (Grazie IGGY!!!!), ci scambiamo migliaia di facezie…..
    Ore 19:30, ultimo saluto all’autogrill prima di Aulla.

    Un bel giro davvero, 6 mezzi e 10 persone, di certo non i numeri di una volta, ma in tempo di vacche magre è tutto grasso che cola!!!!!

    Si torna a casa, Coda ZERO! In barba ai bauscia che han dovuto portar via le balle anzitempo visto il meteo…. Noi ci siamo divertiti come matti lo stesso!!!

    Ore 20:45, autolavaggio…. Ore 21:15 a scaricar la macchina…. Ore 22:00 the e colomba avanzata…. Ore 22:30 DIVANO!!!!!
    Poi tutto s’annebbia….. fino alle 02:00 circa quando rientra la mia Principessina dai vari concerti della Genova By Night….

    Grazie a tutti, in particolare alle Signore CM per le delizie (g)astronomiche con le quali ci hanno sollazzato tutto il tempo.

    SIAMO BELLISSIMI!!!!!

    Ciao a tutti!
    Vittorio - WebMaster CM

  4. #294
    Data Registrazione
    Feb 2001
    Località
    Genova - ITALY
    Messaggi
    644
    My Feedback
    0
    (0% Positive Feedback)

    Red face Val Di Susa 2017 - By Fabry (Cavaliere)

    Ecco il resoconto del Nostro Cavaliere, che avendo perso la password di accesso è impossibilitato(?) alla pubblicazione diretta....
    -------------------------------------------------------------------------------
    Come ogni anno a luglio organizziamo la nostra gita in Alta Val Susa e quest'anno il programma prevede, dato che la strada è aperta, di arrivare in cima al Somellier.
    Personalmente non sono mai riuscito ad arrivare in fondo alla strada, quindi la mia esaltazione è talmente tanta che mercoledì avevo già pronti i bagagli :-))))

    Nonostante l'organizzazione sia partita un pò in sordina e con qualche cambio di data in corsa alla fine siamo un discreto numero, 8 macchine:
    Vilma e il Principe, Daniela e Alce, Alessandra e Amedeo, Lella e Walter, Eliana e Pino, i Ghigi, Mauri (che utilizzerà Ziggy per le spole) ed io, in totale siamo in 14.

    Non esiste un vero e proprio appuntamento del venerdì sera, ma strada facendo ci coordiniamo per cenare insieme "dal sardo" a Ulzio.
    Alcuni di noi rimangono delusi dalla cena e dal conto, ma in generale "ai più" è andata abbastanza bene.

    Prima di andare a nanna facciamo ancora qualche chiacchiera fuori dal albergo (assolutamente da tenere in considerazione per il futuro grazie al rapporto qualità convenienza) e poi ci salutiamo.

    A causa di una gara di auto in salita tra Cesana e Sestriere ci troviamo isolati a San Sicario, la strada è chiusa dalle 8.30 del mattino fino alle 6.30 della sera.
    Per evitare il blocco avevamo studiato due alternative tra cui quella di fare uno sterrato che va da San Sicario fino a Fenils, tagliando fuori Cesana e il blocco stradale.
    Una volta verificato (grazie ad Alce e Walter) che la strada fosse fattibile per tutti abbiamo potuto godere di una sveglia più umana e così ci siamo ritrovati tutti in sala colazione verso le 8.30.
    Ci siamo ristorati e con calma abbiamo fatto la nostra bella variantina.

    Il percorso passa tutto in mezzo al bosco di pini e taglia un paio di piste.
    Fondo di terra, con qualche carengia a cui prestare attenzione, per metà pianeggiante e per la seconda metà in discesa abbastanza ripida con qualche tornante.
    Tendenzialmente niente di impossibile, ma il Principe ha dovuto prestare parecchia attenzione a causa dell'assenza delle ridotte e della gommatura prettamente stradale
    Alla fine ha fatto tutto senza nessunissimo problema e si è concesso anche il lusso di un bello staccaruota.

    In fondo alla variante (lunga circa 5km e 200 metri con un dislivello di 600 metri circa) abbiamo appuntamento con il capogita.
    Facciamo il pieno, prendiamo un caffettino e partiamo alla volta di Bardonecchia.

    La strada per il Sommeiller passa per Rochemolles, fa qualche tornante asfaltato e poi inizia con lo sterrato.
    Già nei primi tornanti asfaltati notiamo una quantità impressionante di moto che fanno avanti e indietro, proseguendo con il percorso avremmo capito quanto queste presenze ci avrebbero creato problemi....

    Usciamo subito dall'ombra del bosco, lasciamo l'asfalto e iniziamo la salita su sterrato.
    Il fondo si presenta estremamente liscio grazie allopera di "fresatura" che è stata fatta questa primavera.
    Se da un lato questo semplifica enormemente la guida (facendo si che centinaia e centinaia di moto di ogni marca e modello possano salire),
    dall'altro causa l'innalzamento di nuvoloni di polvere veramente impressionanti.
    Nonostante ci si distanziasse di diverse decine di metri la visibilità era veramente bassa a causa della polvere alzata dalle macchine davanti.
    Inoltre in continuo via vai di moto nei due sensi di marcia peggiorava ulteriormente la situazione.

    Mentre continuiamo a fare lo slalom tra le moto cercando di vedere qualcosa attraverso il muro di polvere davanti a noi Alce ci avvisa via CB di aver bucato una gomma.
    Troviamo un punto dove fermarci e ci accorgiamo che l'anteriore destra di Patrollo è completamente squarciata in due punti.
    Ha un taglio sulla spalla di circa 2 - 3 centimetri e un secondo taglio che va dal battistrada al cerchio.
    Durante le operazioni di cambio gomme le moto continuano a fare avanti e indietro riempendoci di polvere e qualcuno ipotizza di tornare indietro per risparmiarci tutto quel polverone,
    dato che siamo prima dello Scarfiotti e che dobbiamo fare ancora un sacco di strada per arrivare in cima.
    Dopo una rapida consultazione decidiamo di proseguie lo stesso e ci rimettiamo in marcia.

    Arrivati al rifugio vediamo moto parcheggiate e tende ovunque, sono veramente tanti, noi tiriamo dritto e proseguiamo, oltrepassiamo il guado e attacchiamo i tornanti.
    Più si sale e più l'aria rarefatta diminuisce la potenza dei motori, il Principe ha il suo bel da fare per far salire la Capretta, ma il manico sopperisce alle forze della natura.
    Passiamo tra muri di neve più alti dei tetti delle macchine, non c'è più polvere ma fanghiglia causato dallo scioglimento della neve, finalmente respiriamo aria pulita.
    Continuiamo a salire fino a che si apre davanti a noi il piazzalone alla fine della strada.
    Parcheggiamo sulla neve del ghiacciaio, scendiamo dalle macchine e ci godiamo il panorama che è veramente spettacolare.
    A circa un centinaio di metri c'è il lago che ha come spiaggia la neve, il tempo è splendido, l'aria frizzantina, è proprio una figata.

    Dopo tutto questo guidare, mangiar polvere e schivare moto ci meritiamo proprio una bella merenda a base di focaccia (classica, con le cipolle e secca).
    Facciamo ancora due chiacchiere e poi riprendiamo la strada per il rientro.
    La discesa presenta le solite problematiche, ma ormai ci siamo abituati.
    Verso le 15 cofaniamo all'altezza del guado, salumi, formaggi, torte salete, polpette, dolcetti.... come sempre diamo spettacolo.
    Purtroppo a causa di un inizio di grandinata che ci costringe a sbaraccare tutto di corsa la Lella non riesce a farci il caffè.
    Daniela fa pratica di guida in fuoristrada guidando Patrollo lungo la strada e giochicchiando nella palestrina.

    Proseguiamo la discesa e Mattia trova il tempo per stroppare un furgone in difficoltà un paio di curve dell'inizio dello sterrato (con il tipo che voleva a tutti i costi arrivare allo Scarfiotti, bah....).

    Rientrati sull'asfalto decidiamo di fare un salto in albergo per lavarci prima di andare a cena, qualcuno ne approfitta per lavare la macchina a Cesana (appena finito le operazioni di lavaggio inizia a diluviare).
    Rapida doccettina e via verso Bardonecchia per la cena all'hotel Bellevue, dove da bambino e da ragazzo andavo con i miei.
    Prima sorpresa della serata: Martine e Franco ci sono venuti a trovare e hanno cenato con noi!!! Bravo Alce che ha organizzato la cosa!!
    Torniamo alla cena, conosco quel posto da una vita e sapevo che avrebbe soddisfatto i palati esigenti dei CM, ma onestamente avevo un pochino di ansia, ci tenevo che andasse tutto bene.
    Dato che sono personalmente coinvolto lascio il giudizio al nostro Sommo Principe, mi limito solo ad elencare velocemente le varie cibarie:
    formaggi, salumi, tomini piccanti, insalata russa, pomodori ripieni, peperoni con acciughe, involtini di prosciutto ripieni di asparagi, fonduta, plin al brasato, dolci a scelta.
    Noterete che mancano i secondi, abbiamo chiesto di non portarli dato che eravamo pieni come delle uova, evidentemente non esistono più i CM di una volta....

    Rientrati a Cesana dobbiamo organizzaci con le macchine per la domenica.
    Lasciamo la Capretta e Ziggy a Daniela ed alce e in 12 ci compattiamo su Patrollo e il Discovery di Mattia.
    A bordo di Patrollo abbiamo vissuto scene epiche, dalla Lella che provava a stare nel bagagliaio....
    A me seduto sul portaoggetti del vano centrale rivolto verso il retro della macchina....
    A Vittorio che continuava a dire che la macchina non andava e intanto faceva la cronoscalata....
    Non so come ma alla fine siamo arrivati tutti sani e salvi in albergo.

    Domenica mattina ce la prendiamo più con calma, il tempo regge, non ci corre dietro nessuno e gireremo nelle vicinanze.
    Quindi spazio ad una bella colazione, poi qualche chiacchiera con la signora dell'albergo (gentile e simpatica), sigarettina e si parte.

    Facciamo nuovamente la variantina, Mauri guida Patrollo con il Principe come navigatore mentre Vilma sale su Ronzinante (che si conferma "muletto" della Real Famiglia),
    Walter e la Lella sono già scesi, hanno girovagato per Cesana prima e Sestriere poi.
    Durante la notte ha piovuto, quindi il fondo presenta qualche pozzetta di fango ed è leggermente più viscido, ma nulla di che.
    Tralascio il commento di Vilma a fine variante ;-)

    Altro caffè dal benzinaio e decidiamo di fare la Valle Argentera, è vicina, facile e panoramica.
    Prima della partenza l'Ale ne combina una tipica di Amedeo :-) e fa cadere il callulare nel water entrando di diritto nella classifica di CM nei guai!!!!

    Recuperiamo Alce, cambiamo i mezzi e partiamo.
    Gianluca è prese dal morbo di Alcepedia e non sta zitto un secondo spiegandoci la storia di ogni pietra e filo d'erba che incontriamo.
    Si zittisce solo quando, passando davanti al guado dove aveva perso la targa, gli facciamo notare che a recuperarlaaveva mandato la Vicky......

    Intanto anche la Daniela decide di salire su un mezzo serio e balza su Ronzinante che guida per con disinvoltura e sicurezza affrontando anche un guado.

    Il tempo è così così, l'ora è taeda e quindi dopo la foto di rito decidiamo di rientrare per cofanare al riparo del tetto della casa di Alce.
    Devo dire che la cofanata con le gambe sotto il tavolo ha un suo perchè....
    Gli avanzi del giorno prima ci riempono e avanzerebbero ancora se non fosse che Pino inizia a distribuire qualunque cosa gli passasse sotto il naso...
    "Dai, ancora uno che lo finiamo", "Prendi ancora questo, non vorrai mica lasciarlo lì!", "Chi vuole l'ultima fetta di salame?"
    Alla fine non è avanzato niente.

    Ed eccoci arrivati alla sorpresa, zitti zitti Walter e la Lella con Alce e Daniela al mattino sono andati a Sestriere e hanno preso una sacher con tanto di scritta "auguri Fabrizio" e candelina.
    Così abbiamo festeggiato il mio compleanno.

    Purtroppo si è fatta l'ora del rientro, chi prima chi dopo nel giro di un'oretta partiamo, ci aspettano parecchi km e il caldo della pianura.
    Io viaggio in colonna con i Ghighi e Mauri (che ci lascia ad Alessandria), chiacchieriamo amabilmente e il tempo ci vola.

    Come sempre le nostre uscite sono qualcosa di incredibile per la gioia e la serenità che ci regalano, dopo tanti anni il fluido CM continua a scorrere e sta solo a noi continuare ad alimentarlo.

    Vorrei ringraziare tutti i partecipanti alla VdSU del 2017 per i bei momenti e per le risate che mi avete regalato e per la sorpresa che mi avete fatto.
    Grazie anche ad Alce per averci scorazzato in giro.

    Come sempre siamo BELLISSIMI!!

    Fabry

  5. #295
    Data Registrazione
    Feb 2001
    Località
    Genova - ITALY
    Messaggi
    644
    My Feedback
    0
    (0% Positive Feedback)

    Talking Cena di Natale 2017 - Assisi & Dintorni

    Quest’anno gli incaricati per l’Evento CM per eccellenza erano Sabrina & Sirio.
    Che dire…. Innanzitutto GRAZIE!!!!!

    L’adunanza era programmata all’Hotel La Terrazza ad Assisi. Ottimo Hotel con SPA ed ottima cucina, 8/9 faccine assicurate, anche in base al rapporto prezzo qualità.

    Ci sono CM che arrivano da ogni parte, Palermo, Lecce, Venezia, Savona, Genova, Brescia, Piacenza, La Spezia, Bologna, Reggio Emilia, Roma, Firenze, Ancona e spero di non aver dimenticato nessuno……..

    Alcuni sono arrivati prima, altri dopo, altri arriveranno domani in mattinata altri solo per la Cena di Natale…..L’IMPORTANTE E’ ESSERCI!!!!

    Venerdì 1/12:
    Partenza da Genova alle 14.30 circa (dovuto a dimenticanza CB a casa….. dove ho lasciato anche la macchina fotografica!!)
    Sentiti per telefono i Nordovestini in transumanza….
    Valtero/WALLY & Lella son partiti al mattino….. LORO hanno tempo…..
    Nat/ZENA62 è avanti, troppo per raggiungerlo ora che ha un mezzo performante!!!
    Invece con Pino/RAGDOLLS, Fabrizio/CAVALIERE, Gianluca/ALCEBILLY, ci si raduna via via che si fa strada….
    Veniamo raggiunti a Firenze da Maurizio/ORSO e Daniela, Alce si apparta per una doccetta rapida…..

    La carovana procede speditamente, tra battute e scherzi al CB, arriviamo ad Assisi alle 19:30.
    Siamo accolti all’Hotel dalla maggior parte del gruppo che subito accelera per andare a cena…. Siamo CM o no?
    Sono presenti, Sirio/SIDESTICK & Sabrina/COCCOLINO & Alessandro, Valtero/WALLY & Lella, Nat/ZENA62 single, Amedeo/CORTOFINALE & Alessandra, Mattia/GHIGO & Ilaria/GHIGA, Umberto/SOULSTAR & Angie, Oreste/PUCCI & Patrizia, Michele/MIKI & Beppe,

    Cena a 25 al ristorante dell’Hotel La Terrazza. Ottima cenetta con prelibatezze varie (8 faccine meritatissime).
    Antipasti misti umbri, Gnocchetti al taleggio e tartufo, Noce di vitello ai porcini e dolcetto finale. Tutto annaffiato da ottimo vinello umbro.

    Dopo cena, per i più coraggiosi (quasi tutti a dire il vero), cofanatina serale a base di liquorame vario (Amaro Ibiscano, Grappa Casalese e American Honey) ma soprattutto con ilo Buccellato Palermitano (SPETTACOLO!!!)
    Così corroborati, tutti a nanna o a farsi una doccetta….. Domattina ci si deve svegliare presto, alle 10:00 si parte per il giro in fuoristrada ed il resto della programmazione prevista (cantina e kartodromo).

    Sabato 2/12:
    Ore 09:00, incredibilmente, tutti a far colazione (non ci sono più i CM di una volta…).

    Veniamo raggiunti in hotel da Danilo/DIXI & Anna/DAYANNA & Ciro/BLASTER e Vieri/CIARLIIENCHI & Mirella, si parte….

    Prima sosta appena sotto l’Eremo di San Francesco, in attesa di Andrea/ZIOPONCH che arriva con Maciste…..
    Il suo arrivo viene annunciato dal fumo e dal rumore…… 5 minuti dopo, eccolo!!!! Bisogna dire che è proprio uno spettacolo l’Unimog!!!
    Il ragazzo, per non mancare, è partito da Piacenza alle 10 di sera, si è fermato a dormire strada facendo, alle 05:00 è ripartito per essere ad Assisi puntuale…
    COSA NON SI FA PER ESSERCI!!!!

    Dopo i saluti di rito, si riparte….. Prima tappa la vetta del Monte Subasio.
    Si girella per le colline ed i monti perugini, si intravede la prima neve, la strada è facilissima…..
    Gli ultimi chilometri sono su un manto nevoso fresco fresco, che permette di sgasare, driftare, giocherellare……
    Arrivati in vetta, un panorama speciale sulla valle di Assisi, Foligno e zone limitrofe.
    Assieme allo spettacolo naturale un freddo bastardo ed un vento maledetto mette alla prova la nostra resistenza, ma non molliamo….
    Foto di rito e video panoramico fatto dal drone di Zio Ponch…..

    Trovato un piccolo dosso, come non mettere alla prova le capacità di trazione dei mezzi….
    I Suvvari fanno cilecca….. Tiguan, Discovery e CX5 ne escono meschinamente con le pive nel sacco….
    I più dotati passano senza troppi problemi, Ronzinante senza problemi come la Lavatrice di Sirio, ma bisogna dire che il Pajolo2 è proprio un gran bel pezzo….
    Tocca ad Andrea che vuole salire con Maciste…. Con un traversone che fa stringere tutti i buchetti degli astanti sale con rischio ribaltone….
    Il ragazzo dice “l’ho voluto fare così”….. secondo me un po’ di strizza se l’è presa….. Tipo Dente del Ciocco del Principe-Stolto del 2012

    Si deve ripartire…. Sono quasi le 12:00 e la Cantina, e soprattutto il ‘brunch’ (come dice l’organizzazione) ci attendono…..

    Accade un fatto che ha dell’incredibile, o meglio che riporta nel mondo degli umani il nostro pilota e guida…..
    Sirio sbaglia strada e ci perdiamo per le valli……
    Giriamo più volte per Gualdo Cattaneo, ridente paesino arroccato su un monte, che però alla terza volta che attraversiamo sembra di conoscere da una vita….
    Andiamo di qua, andiamo di là, guarda il navigatore, cerca su Google Maps, telefona al cantinaro, Alce col suo navigatore speciale ci riporta (quasi) sulla retta via…..
    Insomma, un’ora buona per arrivare alla Cantina, quando avremmo dovuto metterci 10 minuti…. Ma il bello è anche questo… Non vi dico le tirate di belino alla radio….

    Arriviamo (finalmente) alla Cantina Terre De La Custodia. Fortunatamente è prenotata solo per noi e quindi nessun problema, ci hanno aspettato…..
    Un tavolone tondo ci attende con sopra ogni ben di Dio (o di San Francesco, vista la zona….)
    Fettunte con Olio Farchioni Riserva, prosciuttone crudo indigeno e salumi vari, Tartine varie con erbette, Formaggi con marmellate, mini-arancini di riso, mozzarelline in carrozza, Zuppette di lenticchie di Castelluccio di Norcia, Club Sandwich vari…..
    E via che si mangia……
    Alla fine pure il dolcetto (Tartufini al Melanto e MiniSacher che spariscono in men che non si dica….)

    Ovviamente siamo in una Cantina ed è la zona del Sagrantino ed altre prelibatezze…..
    Ci vengono offerti in sequenza: Un frizzantino Gladius (10+), un amabile Plentis (bianco corroborante), uno spaccaossa Rubium (mamma che gusto), uno spettacolare Exubera (Sagrantino di Montefaco) ed infine il Melanto Passito (che dà la botta finale).

    Momento per gli acquisti, e l’oste si sfrega le mani…….

    E’ tardi, la ricerca della cantina e la proverbiale voracità CM, han fatto venire le 15 passate…..

    Qui il gruppone si divide in due tranches, quelli che vanno a kartodromo e quelli che vanno a Perugia da turisti

    Per i turisti, la prevista visita al Museo del Cioccolato della Perugina è ormai saltata (Coccolino GRAZIE lo stesso per lo sbattone, sarà per la prossima volta), ma resta sempre la città da visitare, con tanto di monorotaia panoramica da sperimentare.
    Dalle foto che arrivano da whatsapp (io vado al kartodromo) posso capire che sia comunque un giro bellissimo, Perugia vale sicuramente una visita!!!

    Per i piloti ci si reca alla Pista Arcobaleno di Trevi.
    Arriviamo alla pista, un percorso più semplice all’apparenza rispetto a quello dell’anno scorso, ma sicuramente anche molto più veloce.
    I mezzi messi a disposizione sembrano molto performanti e ci si prepara per la pugna.
    Purtroppo non c’è un sedile che riesca ad accogliere il mio culone, quindi sarò costretto quest’anno a fare da fotografo dell’evento.
    La gara prevede qualifiche, warm-up e gara singola.
    I Piloti CM sono 8, Alessandro, Sirio, Gianluca, Mattia, Maurizio, Andrea, Fabrizio, Danilo.
    I CM spettatori son pronti a sopportare un freddo polare pur di vedere la DisfidaCM.
    La gara va come deve andare…..
    • Vince Alessandro (con un giro da record)
    • Secondo Mattia (che anche quest’anno dimostra la sua irruenza alla guida con vari tamping qua e là)
    • Terzo Sirio (che si è fatto gabbare nel finale, ma è contento della vittoria del figliolo).

    Scende la sera, il freddo ci mangiucchia le ossa, quindi tutti si cala in Hotel, compresi i turisti perugini ai quali si aggiungono gli appena arrivati Samuele/CAMEO & Giorgia e Gabriele/GABRY e Luigia, per un meritato riposino in attesa della Cena di Natale.

    CENA DI NATALE 2017
    Quest’anno la Cena di Natale CM è ad Assisi, in pieno centro storico, a due passi dal Duomo.
    Si arriva al ristorante dopo una splendida passeggiatina serale per le vie del centro (bellissimo senza tutto il casino di gente che c’è di giorno).

    Il ristorante che ci attende è “Il Menestrello” (10 faccine tutte meritate)
    La sala a noi dedicata è meravigliosa tutta a pietra a vista, una tavolata di altri tempi con posateria in argento, candelabri a 5 fuochi, arazzi, stendardi, alabarde e picche antiche alle pareti.

    Il menù che ci attende è impegnativo:
    • Antipasto del Menestrello (almeno 10 portate varie e ottime)
    • Caramelle Francescane (ma per niente dietetiche)
    • Strozzapreti al cinghiale
    • Medaglioni di filetto di Mongana al Rosso di Montefalco con insalatina tartufata e patate al rosmarino
    • Sfogliatine alle mele con crema pasticcera
    • Vinelli DOCG della zona (rosso e bianco di Assisi)

    Tutto veramente otttimo.
    La serata procede nella solita goliardia CM, da vivere in ogni attimo.

    Viene il momento del discorso dell’organizzazione……
    Sabrina (la vera Pietra Miliare dell’evento) suggerisce, neanche troppo di nascosto, le frasi ad un imbarazzato e felicissimo Sirio.
    Ringraziamenti vari a tutti i CM che son venuti da ogni parte, al lontanissimo Pucci, al coraggiosissimo Umberto ed a tutti quelli che si son smazzati milanta chilometri per esserci.

    E’ il momento dei gadget…… Uno splendido manometro statunitense per il maschietti e un ricordo Francescano per le Signore.

    Ce l’abbiamo fatta anche quest’anno…. UN EVENTO!!!! Come al solito…..

    Peccato per chi non è potuto esserci fisicamente ma sicuramente c’era col cuore…. Il pensiero corre a nordest, a nordovest… dove i casi della vita hanno impedito a pezzi importanti dei CM di essere presenti anche quest’anno. Un bacio a tutti!

    Peccato per chi invece non ha capito l’importanza di tale evento o non se ne sente parte integrante…. Come dicono i francesi “tampis pour toi…”

    La Cena di Natale CM finisce con il solito posticipo in parcheggio…. Secondo round di Buccellato Palermitano ed il resto dei liquori (quelli che non si son versati nel mio bagagliaio…..)
    Tutti a nanna. Domani c’attende il Campo-Volo!!!!

    Domenica 3/12
    La domenica comincia purtroppo con l’unica nota stonata….
    Il meteo, che a dire il vero ci ha graziati per l’intero evento, impedisce l’appuntamento previsto con gli ultraleggeri ed il girello aereo sulle beltà del luogo.

    Alcuni rimettono la prua verso casa, altri ne approfittano per un ulteriore giretto per Assisi (d’altronde non l’avevamo ancora visitata).
    Dopo le visite di rito e gli acquisti dell’ultimo minuto ci si reca all’ultimo ristorante.
    Qui non posso essere specifico su quanto consumato in quanto ero uno di quelli che ha messo la prua verso casa…. (oneri figliari mi richiamavano a casina bella)
    Ma dalle foto online si vede un mega-barbeque che non prometteva niente di male……

    Finito il pranzo si rientra.
    Ognuno nel calduccio della sua casina.

    Il cuore PIENO della gioia acquisita in questi giorni e della felicità che solo la Compagnia CM sa diffondere!!!!

    E’ giunta l’ora dei ringraziamenti……. Di rito ma mai scontati!!!

    GRAZIE a Sabrina e Sirio per l’accoglienza, l’organizzazione e la dolcezza con la quale ci hanno trattati!!!
    GRAZIE a Alessandro che li sopporta da buon primo genito quale è!
    GRAZIE a tutti i CM che c’erano!
    GRAZIE a tutti i CM che non potevano esserci questa volta ma erano presenti col cuore

    GRAZIE, GRAZIELLA e GRAZIE al C#####

    Comunque sia, come SEMPRE, SIAMO BELLISSIMI!!!!!


    Nota finale:
    E’ già stata prescelta la meta per la Cena di Natale CM 2018……
    Rullo di tamburi….. PPPPPRRRRRRRRRRRRRRRRPPPPPPPPPPPPPRRRRRRRRRRRRRR!! !!!
    Andremo a MONDELLO!!!
    Ebbene sì i CM ridiscenderanno in Trinacria, questa volta Lato Nord.
    Incaricati dell’eventi i felici Pucci&Patti e l’inconsapevole Tiziano!!!!
    A voi superare l’asticella…. Che quest’anno era veramente in alto!!!!!

    Ciao CM!
    Vi Vogliamo BENE!!!!
    Vittorio e Vilma

  6. #296
    Data Registrazione
    Feb 2001
    Località
    Genova - ITALY
    Messaggi
    644
    My Feedback
    0
    (0% Positive Feedback)

    Predefinito Cena di Natale 2017 - Assisi & Dintorni

    Riveduto e corretto…
    --------------------------------------------

    Quest’anno gli incaricati per l’Evento CM per eccellenza erano Sabrina & Sirio.
    Che dire…. Innanzitutto GRAZIE!!!!!

    L’adunanza era programmata all’Hotel La Terrazza ad Assisi. Ottimo Hotel con SPA ed ottima cucina, 8/9 faccine assicurate, anche in base al rapporto prezzo qualità.

    Ci sono CM che arrivano da ogni parte, Palermo, Lecce, Venezia, Savona, Genova, Brescia, Piacenza, La Spezia, Bologna, Reggio Emilia, Roma, Firenze, Ancona e spero di non aver dimenticato nessuno……..

    Alcuni sono arrivati prima, altri dopo, altri arriveranno domani in mattinata altri solo per la Cena di Natale…..L’IMPORTANTE E’ ESSERCI!!!!

    Personalmente……..
    Venerdì 1/12:
    Partenza da Genova alle 14.30 circa (dovuto a dimenticanza CB a casa….. dove ho lasciato anche la macchina fotografica!!)
    Sentiti per telefono i Nordovestini in transumanza….
    Valtero/WALLY & Lella son partiti al mattino….. LORO hanno tempo…..
    Nat/ZENA62 è avanti, troppo per raggiungerlo ora che ha un mezzo performante!!!
    Invece con Pino/RAGDOLLS, Fabrizio/CAVALIERE, Gianluca/ALCEBILLY, ci si raduna via via che si fa strada….
    Veniamo raggiunti a Firenze da Maurizio/ORSO e Daniela, Alce si apparta per una doccetta rapida…..

    La carovana procede speditamente, tra battute e scherzi al CB, arriviamo ad Assisi alle 19:30.
    Siamo accolti all’Hotel dalla maggior parte del gruppo che subito accelera per andare a cena…. Siamo CM o no?
    Sono presenti, Sirio/SIDESTICK & Sabrina/COCCOLINO & Alessandro, Valtero/WALLY & Lella, Nat/ZENA62 single, Amedeo/CORTOFINALE & Alessandra, Mattia/GHIGO & Ilaria/GHIGA, Umberto/SOULSTAR & Angie, Oreste/PUCCI & Patrizia, Michele/MIKI & Beppe,

    Cena a 25 al ristorante dell’Hotel La Terrazza. Ottima cenetta con prelibatezze varie (8 faccine meritatissime).
    Antipasti misti umbri, Gnocchetti al taleggio e tartufo, Noce di vitello ai porcini e dolcetto finale. Tutto annaffiato da ottimo vinello umbro.

    Dopo cena, per i più coraggiosi (quasi tutti a dire il vero), cofanatina serale a base di liquorame vario (Amaro Ibiscano, Grappa Casalese e American Honey) ma soprattutto con ilo Buccellato Palermitano (SPETTACOLO!!!)
    Così corroborati, tutti a nanna o a farsi una doccetta….. Domattina ci si deve svegliare presto, alle 10:00 si parte per il giro in fuoristrada ed il resto della programmazione prevista (cantina e kartodromo).

    Sabato 2/12:
    Ore 09:00, incredibilmente, tutti a far colazione (non ci sono più i CM di una volta…).

    Veniamo raggiunti in hotel da Danilo/DIXI & Daniela (BENTORNATA!!) & Anna/DAYANNA & Ciro/BLASTER e Vieri/CIARLIIENCHI & Mirella, si parte….

    Prima sosta appena sotto l’Eremo di San Francesco, in attesa di Andrea/ZIOPONCH che arriva con Maciste…..
    Il suo arrivo viene annunciato dal fumo e dal rumore…… 5 minuti dopo, eccolo!!!! Bisogna dire che è proprio uno spettacolo l’Unimog!!!
    Il ragazzo, per non mancare, è partito da Piacenza alle 10 di sera, si è fermato a dormire strada facendo, alle 05:00 è ripartito per essere ad Assisi puntuale…
    COSA NON SI FA PER ESSERCI!!!!

    Dopo i saluti di rito, si riparte….. Prima tappa la vetta del Monte Subasio.
    Si girella per le colline ed i monti perugini, si intravede la prima neve, la strada è facilissima…..
    Gli ultimi chilometri sono su un manto nevoso fresco fresco, che permette di sgasare, driftare, giocherellare……
    Arrivati in vetta, un panorama speciale sulla valle di Assisi, Foligno e zone limitrofe.
    Assieme allo spettacolo naturale un freddo bastardo ed un vento maledetto mette alla prova la nostra resistenza, ma non molliamo….
    Foto di rito e video panoramico fatto dal drone di Zio Ponch…..

    Trovato un piccolo dosso, come non mettere alla prova le capacità di trazione dei mezzi….
    I Suvvari fanno cilecca….. Tiguan, Discovery e CX5 ne escono meschinamente con le pive nel sacco….
    I più dotati passano senza troppi problemi, Ronzinante senza problemi come la Lavatrice di Sirio, ma bisogna dire che il Pajolo2 è proprio un gran bel pezzo….
    Tocca ad Andrea che vuole salire con Maciste…. Con un traversone che fa stringere tutti i buchetti degli astanti sale con rischio ribaltone….
    Il ragazzo dice “l’ho voluto fare così”….. secondo me un po’ di strizza se l’è presa….. Tipo Dente del Ciocco del Principe-Stolto del 2012

    Si deve ripartire…. Sono quasi le 12:00 e la Cantina, e soprattutto il ‘brunch’ (come dice l’organizzazione) ci attendono…..

    Accade un fatto che ha dell’incredibile, o meglio che riporta nel mondo degli umani il nostro pilota e guida…..
    Sirio sbaglia strada e ci perdiamo per le valli……
    Giriamo più volte per Gualdo Cattaneo, ridente paesino arroccato su un monte, che però alla terza volta che attraversiamo sembra di conoscere da una vita….
    Andiamo di qua, andiamo di là, guarda il navigatore, cerca su Google Maps, telefona al cantinaro, Alce col suo navigatore speciale ci riporta (quasi) sulla retta via…..
    Insomma, un’ora buona per arrivare alla Cantina, quando avremmo dovuto metterci 10 minuti…. Ma il bello è anche questo… Non vi dico le tirate di belino alla radio….

    Arriviamo (finalmente) alla Cantina Terre De La Custodia. Fortunatamente è prenotata solo per noi e quindi nessun problema, ci hanno aspettato…..
    Un tavolone tondo ci attende con sopra ogni ben di Dio (o di San Francesco, vista la zona….)
    Fettunte con Olio Farchioni Riserva, prosciuttone crudo indigeno e salumi vari, Tartine varie con erbette, Formaggi con marmellate, mini-arancini di riso, mozzarelline in carrozza, Zuppette di lenticchie di Castelluccio di Norcia, Club Sandwich vari…..
    E via che si mangia……
    Alla fine pure il dolcetto (Tartufini al Melanto e MiniSacher che spariscono in men che non si dica….)

    Ovviamente siamo in una Cantina ed è la zona del Sagrantino ed altre prelibatezze…..
    Ci vengono offerti in sequenza: Un frizzantino Gladius (10+), un amabile Plentis (bianco corroborante), uno spaccaossa Rubium (mamma che gusto), uno spettacolare Exubera (Sagrantino di Montefaco) ed infine il Melanto Passito (che dà la botta finale).

    Momento per gli acquisti, e l’oste si sfrega le mani…….

    E’ tardi, la ricerca della cantina e la proverbiale voracità CM, han fatto venire le 15 passate…..

    Qui il gruppone si divide in due tranches, quelli che vanno a kartodromo e quelli che vanno a Perugia da turisti

    Per i turisti, la prevista visita al Museo del Cioccolato della Perugina è ormai saltata (Coccolino GRAZIE lo stesso per lo sbattone, sarà per la prossima volta), ma resta sempre la città da visitare, con tanto di monorotaia panoramica da sperimentare.
    Dalle foto che arrivano da whatsapp (io vado al kartodromo) posso capire che sia comunque un giro bellissimo, Perugia vale sicuramente una visita!!!

    Per i piloti ci si reca alla Pista Arcobaleno di Trevi.
    Arriviamo alla pista, un percorso più semplice all’apparenza rispetto a quello dell’anno scorso, ma sicuramente anche molto più veloce.
    I mezzi messi a disposizione sembrano molto performanti e ci si prepara per la pugna.
    Purtroppo non c’è un sedile che riesca ad accogliere il mio culone, quindi sarò costretto quest’anno a fare da fotografo dell’evento.
    La gara prevede qualifiche, warm-up e gara singola.
    I Piloti CM sono 9, Alessandro, Sirio, Gianluca, Mattia, Maurizio, Andrea, Fabrizio, Danilo, Vieri.
    I CM spettatori son pronti a sopportare un freddo polare pur di vedere la DisfidaCM.
    La gara va come deve andare…..
    • Vince Alessandro (con un giro da record)
    • Secondo Mattia (che anche quest’anno dimostra la sua irruenza alla guida con vari tamping qua e là)
    • Terzo Sirio (che si è fatto gabbare nel finale, ma è contento della vittoria del figliolo).

    Scende la sera, il freddo ci mangiucchia le ossa, quindi tutti si cala in Hotel, compresi i turisti perugini ai quali si aggiungono gli appena arrivati Samuele/CAMEO & Giorgia e Gabriele/GABRY e Luigia, per un meritato riposino in attesa della Cena di Natale.

    CENA DI NATALE 2017
    Quest’anno la Cena di Natale CM è ad Assisi, in pieno centro storico, a due passi dal Duomo.
    Si arriva al ristorante dopo una splendida passeggiatina serale per le vie del centro (bellissimo senza tutto il casino di gente che c’è di giorno).

    Il ristorante che ci attende è “Il Menestrello” (10 faccine tutte meritate)
    La sala a noi dedicata è meravigliosa tutta a pietra a vista, una tavolata di altri tempi con posateria in argento, candelabri a 5 fuochi, arazzi, stendardi, alabarde e picche antiche alle pareti.

    Il menù che ci attende è impegnativo:
    • Antipasto del Menestrello (almeno 10 portate varie e ottime)
    • Caramelle Francescane (ma per niente dietetiche)
    • Strozzapreti al cinghiale
    • Medaglioni di filetto di Mongana al Rosso di Montefalco con insalatina tartufata e patate al rosmarino
    • Sfogliatine alle mele con crema pasticcera
    • Vinelli DOCG della zona (rosso e bianco di Assisi)

    Tutto veramente otttimo.
    La serata procede nella solita goliardia CM, da vivere in ogni attimo.

    Viene il momento del discorso dell’organizzazione……
    Sabrina (la vera Pietra Miliare dell’evento) suggerisce, neanche troppo di nascosto, le frasi ad un imbarazzato e felicissimo Sirio.
    Ringraziamenti vari a tutti i CM che son venuti da ogni parte, al lontanissimo Pucci, al coraggiosissimo Umberto ed a tutti quelli che si son smazzati milanta chilometri per esserci.

    E’ il momento dei gadget…… Uno splendido manometro statunitense per il maschietti e un ricordo Francescano per le Signore.

    Ce l’abbiamo fatta anche quest’anno…. UN EVENTO!!!! Come al solito…..

    Peccato per chi non è potuto esserci fisicamente ma sicuramente c’era col cuore…. Il pensiero corre a nordest, a nordovest… dove i casi della vita hanno impedito a pezzi importanti dei CM di essere presenti anche quest’anno. Un bacio a tutti!

    Peccato per chi invece non ha capito l’importanza di tale evento o non se ne sente parte integrante…. Come dicono i francesi “tampis pour toi…”

    La Cena di Natale CM finisce con il solito posticipo in parcheggio…. Secondo round di Buccellato Palermitano ed il resto dei liquori (quelli che non si son versati nel mio bagagliaio…..)
    Tutti a nanna. Domani c’attende il Campo-Volo!!!!

    Domenica 3/12:
    La domenica comincia purtroppo con l’unica nota stonata….
    Il meteo, che a dire il vero ci ha graziati per l’intero evento, impedisce l’appuntamento previsto con gli ultraleggeri ed il girello aereo sulle beltà del luogo.

    Alcuni rimettono la prua verso casa, altri ne approfittano per un ulteriore giretto per Assisi (d’altronde non l’avevamo ancora visitata).
    Dopo le visite di rito e gli acquisti dell’ultimo minuto ci si reca all’ultimo ristorante.
    Qui non posso essere specifico su quanto consumato in quanto ero uno di quelli che ha messo la prua verso casa…. (oneri figliari mi richiamavano a casina bella)
    Ma dalle foto online si vede un mega-barbeque che non prometteva niente di male……

    Finito il pranzo si rientra.
    Ognuno nel calduccio della sua casina.

    Il cuore PIENO della gioia acquisita in questi giorni e della felicità che solo la Compagnia CM sa diffondere!!!!

    E’ giunta l’ora dei ringraziamenti……. Di rito ma mai scontati!!!

    GRAZIE a Sabrina e Sirio per l’accoglienza, l’organizzazione e la dolcezza con la quale ci hanno trattati!!!
    GRAZIE a Alessandro che li sopporta da buon primo genito quale è!
    GRAZIE a tutti i CM che c’erano!
    GRAZIE a tutti i CM che non potevano esserci questa volta ma erano presenti col cuore

    GRAZIE, GRAZIELLA e GRAZIE al C#####

    Comunque sia, come SEMPRE, SIAMO BELLISSIMI!!!!!


    Nota finale:
    E’ già stata prescelta la meta per la Cena di Natale CM 2018……
    Rullo di tamburi….. PPPPPRRRRRRRRRRRRRRRRPPPPPPPPPPPPPRRRRRRRRRRRRRR!! !!!
    Andremo a MONDELLO!!!
    Ebbene sì i CM ridiscenderanno in Trinacria, questa volta Lato Nord.
    Incaricati dell’eventi i felici Pucci&Patti e l’inconsapevole Tiziano!!!!
    A voi superare l’asticella…. Che quest’anno era veramente in alto!!!!!

    Ciao CM!
    Vi Vogliamo BENE!!!!
    Vittorio e Vilma

  7. #297
    Data Registrazione
    Feb 2001
    Località
    Genova - ITALY
    Messaggi
    644
    My Feedback
    0
    (0% Positive Feedback)

    Predefinito Verdon e Lavanda

    Inoltro da chi c'era.... Io purtroppo non c'ero......
    -------------------------------------------------------------------------------
    Da: Vieri Mangani
    Inviato: domenica 22 luglio 2018 20:12
    Oggetto: Resoconto Verdon 2018
    -------------------------------------------------------------------------------
    Cari amici CM,

    Fulvio da bravo organizzatore qual'è, ha trovato il modo di delegare il resoconto del Verdon 2018 ed eccomi qua

    Battute a parte sono contento di scriverlo. Sono passati anni dalla mia ultima partecipazione ad un giro Culomollesco. Dopo aver venduto il mio Discovieri nel 2014 ed essere passato alle moto ho tenuto i contatti con tutti voi tramite la mailing list, ma non avendo più il mezzo per partecipare seguivo da lontano, dal divano.
    Ero però deciso a partecipare in tutti i modi a questo evento, anche a costo di essere l'unico CM con una moto in mezzo ad una carovana di CM4x4, poi si è verificata una piacevole coincidenza ed è arrivato un nuovo SUV nel parco mezzi CM, un bel Freelander2 e così la mia partecipazione da "forzata" è divenuta "ufficiale". Ho ritirato fuori tutto il materiale che per anni era rimasto in soffitta (strop, grilli, kit riparazione gomme, CB, materiale da campeggio, frigo, etc) e con grande emozione ho allestito nuovamente un mezzo per partecipare a pieno titolo ad un grande fine settimana con la grande famiglia CM.

    Partenza da Firenze di venerdì 13.... per fortuna che non sono troppo superstizioso... aggiungi il detto "né di venere né di marte non si arriva (era sposa ma sennò non torna) né si parte.... partito di venerdì 13 , tornato di martedì 17.... ho sfidato la sorte, ma ho fatto bene!!

    Appuntamento a Firenze nord con i Ghighi ed il loro Disco2 sempre più allestito e bello, infiliamo l'autostrada in direzione Genova, ben 3 soste lungo il percorso, tra cui il prelievo di Grappa, il cane di Fulvio, non ci hanno impedito di arrivare puntuali all'appuntamento autostradale con gli altri CM. Poco dopo le 14 stiamo andando verso Nizza e l'attacco del primo tratto in fuoristrada. I temuti controlli in dogana francese non ci sono stati, ma la Francia ci accoglie con un pò di traffico, nulla di che, tanto ci sono i CB per fare due chiacchiere.

    Tra Ventimiglia e Nizza cominciamo a salire su asfalto a tornantini, ogni tanto ci fermiamo per recuperare chi è rimasto indietro e si è perso a qualche rotonda (alla francese), io sto ben incollato a chi mi precede anche perché non sto usando né il navigatore né le mappe cartacee, infatti anche adesso non ricordo esattamente dove eravamo.
    Ad un certo punto arriviamo all'attacco del tratto in fuoristrada che dovrebbe portarci al "metanodotto", lì ci fermiamo per aspettare Wally e la Lella che dovevano raggiungerci. Ne approfittiamo per fare i saluti ai vecchi amici e per fare nuove conoscenze, esordiscono con i CM Andrea e Chiara con la star delle sitcom americane... Stella, tutti e tre a bordo di un bel Rav4 preparato.
    Il mio Freelander è parcheggiato dietro al Discovery di Mattia, un pò intimidito con la sua bella vernice nera, tutta pulita, le gomme stradali, con un brand storico da Difendere (la D maiuscola è voluta), senza sapere esattamente a cosa andrà in contro.

    Arrivati Wally e la Lella è il momento di partire.

    Il percorso del metanodotto è molto spettacolare ed alterna passaggi scorrevoli ad altri decisamente impegnativi per i mezzi senza ridotte, con grosse pietre, twist, scalini e ciottoli in discesa. Il Free è alla sua prima uscita e questo si chiama "battesimo del fuoco".
    Sfodera però doti di motricità sorprendenti, in modalità "lavasciuga"... cioè "fango e solchi" ripartisce la trazione a 50 e 50 e controlla lo slittamento di ogni singola ruota permettendogli di avanzare e superare tutte le difficoltà, complice anche un cambio automatico a 6 rapporti con funzionalità manuale.

    Però siamo sempre un bel gruppone e questo comporta tempi lunghi quindi ad un certo punto, quando finalmente ritroviamo l'asfalto, bisogna scorrere per arrivare all'agriturismo B&B di David in tempo per la cena, considerando che qualcuno deve anche montare la tenda e tra questi il sottoscritto che, in ottemperanza allo stile CM, ha portato sì una tenda, ma in versione palazzo reale, bella e comoda, ma un pò lunga a montarsi.

    I panorami anche su asfalto sono favolosi, con boschi e montagne bellissime, bufali e cervi... sembra si essere in america.

    Arrivati da David e montate le tende, non senza qualche sorpresa ....... stupidamente l'ho posizionata troppo vicina al recinto elettrificato e tenere in mano un chiodo già fissato per metà nel terreno, mentre con la spalla tocco il filo elettrificato..... è una cosa che ricorderò negli anni a venire , ci sediamo finalmente intorno ai tavoli. Tra affettati, fagioli e cipolla, formaggi e tante altre cose gustose scorre la cena e fa buio.

    Con il buio arrivano le stelle ed è qui che l'ultimo CM in ordine di tempo Andrea, altrimenti detto "Uomo delle Stelle" (scherzo però ci sta) allieta chi ne ha voglia con aneddoti e informazioni sulla volta celeste che si presenta molto affollata, grazie ad un cielo terso.

    Un pò cotti per il lungo viaggio, un pò prudenti nei confronti della lunga giornata che ci aspetta al sabato, andiamo in branda.

    Il mattino di solito ha l'oro in bocca, invece in Francia ha l'acqua... sia la mattina dell'indomani (sabato) che quella di domenica, una minipioggerella di nemmeno mezz'ora accoglierà chi si alza presto al mattino, per fortuna che è poca cosa e ci permette di smontare il campo (per chi ha la tenda) senza grossi impicci.
    Fatta colazione partiamo alla volta di Castellane per fare rifornimento di gasolio e di cibo. Un piccolo problema di software colpisce il mio Freelander, nulla di serio, in pratica il sistema "infotainment" è morto, buio... un paio di telefonate apprensive alla concessionaria offrono la soluzione, staccare la batteria per un quarto d'ora. Alla sosta al Casino (catena di supermercati francese) colgo l'occasione e , mentre aspetto che venga fatta la spesa, stacco e riattacco la batteria, problema risolto... per fortuna, non sarei sopravvissuto senza la musica con due figlie adolescenti a bordo.

    A tarda mattinata lasciamo Castellane per gli sterrati del Verdon, oltre 100km di strade bianche ci aspettano. Dopo i primi 10km mia figlia Margherita già chiede quanto manca alla fine..... per fortuna che una mega cofanata con ben 3 tavoli imbanditi di ogni bene allieterà l'atmosfera. Mettendo insieme quanto alcuni avevano portato con quanto è stato appena comprato è venuto fuori un pranzo luculliano: focaccia, affettati, formaggi, lardo di colonnata, salamini piccanti, baguettes, birra, vino.. e non dimentichiamo la grappa (non quella a quattro zampe) ed il sigillo culomollesco di ogni gita come si deve: il caffé della Lella.

    Nel pomeriggio tutti a bordo, la strada è lunga, lunghissima, ci saranno tratti scorrevoli in stile Parigi Dakar (per la polvere) ed altri più lenti a causa di un fondo più sconnesso, senza dimenticare le variantine, tra cui una bella pozza fangosa dove in molti giocheranno a fare i fanghi, una rampa sassosa bella impegnativa per raggiungere un poggio panoramico ed un tratto riservato ai ridottodotati. Alla fine della giornata siamo tutti decisamente stanchi, i guidatori, ma sopratutto i trasportati, decidiamo quindi di rimandare al giorno successivo la visita al punto panoramico delle Gorges du Verdon e puntiamo decisi su Castellane.

    Lì ci dividiamo, un gruppo (Ciarli, Wally, Ghigo, Fulvio e company) prende posto nel campeggio, il resto dei partecipanti (Nat, Pino, Alce, Andrea, Fabry, Orso, Zioponch e company) prosegue per l'albergo. In teoria dovevamo rivederci di lì a poco per cena, ma dopo aver scoperto che i due luoghi distavano oltre 30km, con la stanchezza che ci pervadeva, il gruppo dei campeggiatori si è attrezzato per una cena frugale (ma quando mai) al campeggio.

    Essendo la sera della commemorazione della presa della Bastiglia abbiamo potuto ammirare i fuochi d'artificio che ogni paesino di Francia ha allestito per l'occasione, con musiche in strada e festeggiamenti vari, una bella passeggiata, qualche frullato di frutta e a nanna.

    La domenica il programma prevede di smontare il campo e trovarci con il resto del gruppo che scende dall'albergo. Per guadagnare tempo però decidiamo di portarci avanti verso le gole del Verdon per fare un bagno nelle sue fredde acque. Il programma domenicale è più rilassato e turistico, dopo il bagno dovremmo andare al punto panoramico, poi verso Valensole per vedere i campi di lavanda in fiore, visitare il mercatino del paese e poi muoversi verso l'albergo in quel di Manosque.

    Lasciate le fresche acque orientiamo i musi dei nostri mezzi verso il punto panoramico ed iniziamo a salire. Purtroppo Fulvio fa i programmi, ma il diavolo ci mette lo zampino .... ad un certo punto dal CB una voce dal tono emozionato dichiara una emergenza, è quella di Orso alla guida del Patrol di Alce che annuncia via radio di non avere più il pedale della frizione, a tempo fa a terminare un tornante in salita per appoggiarsi in un provvidenziale slargo che dopo pochi secondi accoglierà molti dei nostri mezzi.

    Scattano i protocolli di emergenza, nell'ordine sbucheranno dal nulla: un meccanico, Zioponch, che non sfigurerebbe in una Parigi Dakar o in un Camel Trophy, teli, attrezzi di ogni genere tra cui svetta un frullino (o flessibile) utilizzato per modificare una chiave inglese, olio Dot4 di ricambio, pile, imbuti e tanto altro che nemmeno ricordo. Purtroppo l'iniziale ottimismo circa la possibilità di rimettere il Patrol su strada viene cancellato dai fatti, un bullone spezzato sarà la goccia di troppo.

    Ovviamente, da bravi CM, mentre (pochi) lavoravano gli altri magnavano, certe occasioni non possono andar sprecate vero?

    Dopo essersi rifocillati e con l'esito negativo della riparazione, non resta altro da fare che separarsi in due o tre gruppi. Io con Pino, Nat, Andrea e le rispettive compagne, prole e star, partiamo per primi, un altro gruppo si staccherà dopo poco e gli ultimi aspetteranno il carro di soccorso. Punta finale a Valensole per tutti.

    Il nostro gruppo (Ciarli, Nat, Pino e l'Uomo delle Stelle & C.) passa per la Routes des Cretes dove ci fermeremo a più riprese per ammirare gli imponenti panorami, con salti di 500mt fino giù al torrente Verdon, per poi andare verso Valensole passando per Moustiers-Sainte-Marie, incantevole paesino arroccato sulla montagna, pieno di vivaci colori e bei negozietti.
    Dopo una pausa di un oretta a giro per il paesino ed aver incrociato il Patrol di Alce fermo presso l'officina, infiliamo una bellissima strada che si snoda tra incantevoli campi di lavanda in fiore. Anche qui fermate, fotografie e chiacchiere, ma è per quello che siamo venuti fin qua e quindi il giusto tempo a questo spettacolo incredibile va dato.

    Alla fine arriviamo a Valensole, purtroppo però troppo tardi per la sagra quindi dopo poco risaliamo in macchina per andare in albergo. Tra l'altro la Francia ha vinto i mondiali di calcio con un bel 4 a 2 sulla Croazia, conquistato in campo, non alla lotteria dei calci di rigore, quindi i francesi si stanno riversando nelle strade a festeggiare e c'è un bel caos.

    Arrivati a Manosque trovo un autolavaggio a gettoni e decido di lavare il Free, mal me ne colse... la vista dei graffi sulla vernice nera mi ha rovinato la serata comunque almeno stavolta siamo tutti nello stesso albergo, basta campeggio per questa gita.
    Lasciamo presto le camere per andare in cerca di cibo. Non sarà un impresa facile. Nella maggior parte delle strade regna il deserto dei tartari, nessuno oltre noi, in altre strade il CAOS dei festeggiamenti con gente che sventola bandiere stando seduta su i tetti delle vetture e moto in perenne fuorigiri . Il centro storico sembra fosse sotto coprifuoco.... tutto chiuso e sprangato, i pochissimi ristoranti pieni....stavamo per cedere ed andare da McDonald quando troviamo un ristorantino a conduzione familiare, il nome è ridicolo "LaFiorentina Ristorante Italiano".... lasciamo perdere va..... gli riconosco il merito di averci accolto e dato da mangiare, anche se eravamo ben sedici....

    Il giorno dopo è lunedì, qualcuno è partito già nel pomeriggio di domenica (Orso e Zioponch con Valentina e Valeria) altri partiranno oggi, altri allungano di un altro giorno (io con Mirella e le bimbe con Mattia e l'Ilaria).

    Come prima cosa noi, con i Ghighi e Andrea con Chiara e Pino con l'Eliana, andiamo a visitare la fabbrica Occitane, visita molto piacevole, la suggerisco a chi dovesse trovarsi dalle parti di Manosque. Dopo la visita "al femminile" ci spetta qualcosa "al maschile" , optiamo per Castellane ed il museo della Citroen, immersi in un frullio di DS, CX, Pallas, 2CV, Ami8, pezzi unici, memorabilia etc. io, Andrea e Mattia ci riprendiamo (Pino con Eliana hanno saltato la tappa Citroen per fare Grasse e rientrare). Recuperate le donne, che nel frattempo erano in giro nel paese di Castellane a far danni, prendiamo la direzione di Grasse e l'albergo dove arriveremo ben tardi, anche per merito di una ottima cena presso una Brasserie lungo la strada.

    Grasse si rivelerà una piacevole sorpresa, la cittadina è veramente bellissima e merita una visita, noi abbiamo visitato la sede antica della casa di profumi Fragonard con visita alla produzione e cenni storici, veramente piacevole, oltre che gratuita ed in italiano.

    Dopo aver pranzato in una caratteristica piazzetta prendiamo il largo, ci aspettano in successione: lungomare di Nizza con sosta da Starbucks (le mie figlie lo hanno imposto), breve tratto della Grand Corniche, giro di pista a Montecarlo e poi via l'autostrada verso l'Italia per essere finalmente a casa verso le 1 di notte stanchi ma felici per tutti gli amici ritrovati, per i nuovi fatti in questa occasione, per i luoghi bellissimi, per la cofanata, per gli sterrati, e di far parte, ancora, di questa bella famiglia che sono i Culimolli4x4.

    Ciao CM!! Siamo Bellissimi!!

    Ciarli

    Elenco dei partecipanti in ordine casuale:
    Fulvio e Grappa
    Mattia ed Ilaria - I Ghighi
    Giancluca - Alce
    Andrea (Zioponch)
    Valeria
    Maurizio - Orso con Valentina
    Vieri - Ciarli con Mirella Margherita e Vittoria
    Vittorio - Nat con Gianna
    Wally con Lella
    Pino con Eliana
    Fabrizio - Fabry
    Andrea - (Uomo delle Stelle) con Chiara e Stella

    Ps. chiedo perdono per eventuali errori ed omissioni

Pagina 30 di 30 PrimaPrima ... 20282930

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •